Lo statuto

1. DENOMINAZIONE E SEDE
1.1. E’ costituita l’associazione culturale denominata “il Carattere”. L’associazione è retta dal presente statuto e dalle vigenti norme di legge in materia.
1.2. La sede dell’associazione è in Roma, via Tommaso Bernetti 30.

2. DURATA
2.1. La durata dell’associazione è illimitata.

3. OGGETTO E SCOPO
3.1. L’associazione ha lo scopo di promuovere e diffondere la cultura e l’attività giornalistica.

3.2. A titolo esemplificativo e non tassativo, l’associazione si ripropone tra l’altro di:
a) svolgere attività giornalistica ed editoriale;
b) pubblicare ricerche, studi, inchieste, attraverso qualsiasi mezzo di comunicazione;
c) promuovere e diffondere inchieste giornalistiche di libera iniziativa, al fine di alimentare una coscienza sociale su problematiche di cui il giornalismo c.d. mainstream tende a non occuparsi o ad occuparsi in maniera poco approfondita;
d) sviluppare, commercializzare e diffondere inchieste multimediali, in grado di coniugare le potenzialità offerte dai diversi mezzi di comunicazione;
e) diffondere, sviluppare e commercializzare i segni distintivi ed il sito internet, ivi compreso il relativo nome di dominio, dell’associazione, sia in Italia che all’estero.

3.3. I servizi giornalistici sono sottoposti, per la diffusione, commercializzazione e/o pubblicazione alle aziende editoriali sotto la firma del socio e/o dei soci che li hanno realizzati e non sotto il nome dell’associazione.

3.4. L’associazione gestisce un sito internet, che ospita la testata giornalistica “il Carattere.it” e che si compone di due sezioni:
a) vetrina per i servizi realizzati dai soci, sotto forma di promo, abstract, gallerie di immagini a disposizione di chiunque voglia acquistarli;
b) uno spazio informativo aperto a tutti, con servizi giornalistici pubblicati per il Carattere.it

3.5. I soci sono responsabili, in via esclusiva, per i contenuti pubblicati all’interno del sito. È fatta salva, in ogni caso, la possibilità per il direttore responsabile della testata giornalistica “il Carattere.it” di rimuovere i contenuti informativi che, a sua discrezione, risultino offensivi, illeciti o comunque non in linea con gli scopi perseguiti dall’associazione e con la linea editoriale de “il Carattere.it”.

4. SOCI
4.1. Sono soci fondatori dell’associazione i Sigg.ri Ilaria Romano, Katia Ancona, Lanfranco Sbardella, Federico Formica e Matteo Marini, firmatari del presente Statuto.

4.2. Sull’ammissione di nuovi soci decide il Consiglio direttivo con delibera assunta a maggioranza dei presenti. La presentazione della domanda importa di per sé l’accettazione dello statuto.

5. DOVERI DEI SOCI
5.1. I soci sono tenuti all’osservanza dello Statuto, delle delibere assembleari e delle decisioni del Consiglio direttivo, nonché al rispetto del decoro e del buon nome dell’associazione.

5.2. I soci si impegnano a non pubblicare e a non diffondere informazioni, immagini e altro materiale coperti da diritto d’autore o da altri diritti da parte di terzi.

5.3. I soci fondatori si impegnano a versare, al momento della sottoscrizione del presente Statuto, una quota pari ad € 100,00. Essi si impegnano altresì a dividere, in parti uguali, le spese per la registrazione della testata giornalistica presso il Tribunale di Roma ed ogni altra spesa necessaria all’avvio dell’associazione, ivi comprese le spese per consulenza legale e le spese amministrative.

5.4. La quota associativa è, sia per i fondatori, sia per i nuovi associati, è pari ad € 20,00.

5.5. Tutti i soci sono tenuti al pagamento della quota associativa entro e non oltre il 31 gennaio di ogni anno.

5.6. Al fine di contribuire allo sviluppo dell’associazione, tutti i soci si impegnano a versare all’associazione il 10% (dieci per cento) dei proventi, al netto di IVA e altre eventuali ritenute, ottenuti con la vendita degli articoli o degli altri servizi svolti, anche in forma promozionale, nell’ambito dell’attività dell’associazione.

6. DIRITTI DEI SOCI
6.1. I soci hanno diritto:
a) di partecipare alla vita associativa ed alle attività svolte dall’associazione;
b) di intervenire all’assemblea con diritto di voto. Tale diritto è però riservato ai soci che siano in regola col pagamento della quota associativa e che non siano inadempienti riguardo agli obblighi stabiliti dal presente statuto o dalle delibere dell’assemblea.

7. DECADENZA E RECESSO
7.1. I soci restano iscritti all’associazione senza limiti di tempo, intendendosi la loro partecipazione tacitamente rinnovata di anno in anno, e cessano di farne parte unicamente in caso di espulsione, decadenza o recesso.

7.2. Il Presidente comunica la decadenza avvenuta di diritto del socio che non abbia provveduto nei termini previsti al versamento della quota annuale o che non adempia agli impegni assunti nei confronti dell’associazione.

7.3. I soci hanno il diritto di recedere dall’Associazione in qualsiasi momento, previa comunicazione indirizzata al Presidente dell’associazione, a mezzo lettera raccomandata a/r ovvero con altro mezzo idoneo a dimostrarne l’avvenuta ricezione. Il recesso ha effetto dal momento della ricezione della comunicazione da parte del Presidente.

7.4. In caso di recesso, il socio non ha diritto alla restituzione di sovvenzioni, elargizioni, liberalità, contributi, né delle quote versate a favore dell’associazione ed è comunque tenuto al versamento, a favore dell’associazione, della quota di sua competenza relativa alle spese già deliberate.

8. ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE
8.1. Sono organi dell’Associazione l’Assemblea, il Consiglio direttivo e il Presidente.

9. ASSEMBLEA
9.1. L’assemblea è costituita da tutti i soci dell’associazione, ivi compresi i soci fondatori.

9.2. L’assemblea:
a) elegge, conferma e revoca il direttore della testata giornalistica “Il Carattere”;
b) delibera su qualsiasi altra questione che le venga sottoposta dal Consiglio direttivo o ad essa demandata dal presente Statuto;
c) delibera sulle proposte di inserzione pubblicitaria da pubblicare sul sito dell’associazione o su qualsiasi altro strumento di comunicazione comunque riconducibile all’attività associativa;
d) in via straordinaria e con il voto favorevole della maggioranza dei soci fondatori e di 1/3 degli altri soci apporta modifiche allo statuto.

9.3. L’assemblea è convocata, in via ordinaria, almeno due volte all’anno dal Presidente.

9.4. L’assemblea è convocata, in via straordinaria, nei casi previsti al punto d) del precedente comma, nonché tutte le volte che il Presidente o il Consiglio direttivo lo ritengano opportuno, e nei casi in cui ne sia fatta richiesta scritta e motivata al Presidente da almeno 2/5 dei soci aventi diritto.

9.5. L’avviso di convocazione deve indicare il luogo, il giorno, l’ora dell’adunanza e l’ordine del giorno, sia in prima che in seconda convocazione. L’avviso deve essere inviato, almeno otto giorni prima della data dell’assemblea, a mezzo lettera raccomandata a/r ovvero con altro mezzo idoneo a dimostrarne l’avvenuta ricezione (ad esempio, fax o e-mail). L’assemblea può riunirsi, secondo le modalità fissate nell’avviso di convocazione,  anche in forma telematica (ad esempio e a titolo non esaustivo, mediante videoconferenza). L’assemblea riunita in forma telematica non può deliberare sullo scioglimento dell’associazione, su modifiche allo statuto, su elezione, conferma e revoca del direttore della testata giornalistica “Il Carattere”. In caso di riunione telematica, il voto può essere espresso anche a mezzo e-mail, purché inviato nei termini fissati nell’avviso di convocazione.

9.6. L’assemblea è regolarmente costituita in prima convocazione con la presenza, anche per delega, di almeno la metà più uno dei soci. In seconda convocazione l’assemblea è regolarmente costituita, a distanza di almeno un’ora dalla prima, qualunque sia il numero dei soci presenti anche per delega, purché siano presenti di persona o per delega almeno la maggioranza assoluta dei soci fondatori.

9.7. Ove non sia diversamente disposto dal presente statuto, l’Assemblea delibera a maggioranza di voti.

9.8. L’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione o, in caso di sua assenza od impedimento, dal socio fondatore anagraficamente più anziano presente in assemblea ovvero, in caso di assenza di tutti i soci fondatori, dal socio anagraficamente più anziano.

9.9. Nelle votazioni in Assemblea ogni socio, indipendentemente dalla categoria di soci cui appartiene, ha diritto ad un voto. Hanno diritto di voto soltanto i soci in regola col pagamento delle quote sociali.

9.10. Ogni socio mediante delega scritta può farsi rappresentare nell’Assemblea da altro socio. In ogni caso è consentita, per ogni socio, più di una delega.

9.11. In apertura di riunione, i soci intervenuti provvederanno a designare un segretario verbalizzante. Tale verbale, firmato dal Presidente e dal segretario dell’Assemblea, farà fede a tutti gli effetti di legge di quanto in esso si attesta.

10. CONSIGLIO DIRETTIVO

10.1. L’associazione è amministrata da un Consiglio direttivo composto dai soci fondatori.

10.2. Il Consiglio Direttivo:

a) elegge al suo interno il Presidente dell’Associazione;
b) studia, sviluppa e pianifica le attività necessarie per il raggiungimento degli scopi dell’Associazione, nonché le iniziative per ottenere i mezzi finanziari occorrenti al raggiungimento degli scopi stessi;
c) decide sulle domande di ammissione;
d) delibera sull’eventuale esclusione dei soci;
e) sottopone all’Assemblea la possibilità di eleggere o revocare il direttore della testata giornalistica “Il Carattere”;
f) esercita ogni altra funzione che non sia per legge o per statuto riservata all’Assemblea.

10.3. Il Consiglio Direttivo può comminare sanzioni disciplinari nei confronti dei soci, nelle forme dell’avvertimento e dell’espulsione. L’espulsione è prevista di diritto nel caso in cui un socio:
a) sia in ritardo di oltre sei mesi col pagamento della quota associativa;
b) tenga comportamenti che, a giudizio del Consiglio Direttivo, arrechino un grave danno all’immagine Associazione;
c) abbia ricevuto due avvertimenti.
I soci espulsi non hanno diritto alla restituzione di quote, sovvenzioni, elargizioni, liberalità, contributi versati a favore dell’Associazione.

10.4. Il Consiglio Direttivo è presieduto e convocato dal Presidente o, in sua assenza o impedimento, dal socio fondatore anagraficamente più anziano, con un preavviso di almeno 48 ore, salvo casi di eccezionale urgenza. Il Consiglio direttivo è validamente costituito quando siano presenti almeno la maggioranza dei suoi membri.

10.5. Le deliberazioni vengono adottate a maggioranza assoluta dei voti. In caso di parità, il voto del Presidente o, in sua assenza, del socio fondatore anagraficamente più anziano prevalgono.

11. PRESIDENTE
11.1. Il Presidente:
a) è nominato dal Consiglio Direttivo fra i suoi membri, dura in carica due anni ed è rieleggibile;
b) è revocabile in qualsiasi momento dal Consiglio direttivo a maggioranza dei suoi membri;
c) ha la rappresentanza legale della associazione, di fronte ai terzi ed in giudizio;
d) convoca le Assemblee e le riunioni del Comitato direttivo e le presiede;
e) ha i poteri di ordinaria amministrazione e può nominare in tale ambito speciali procuratori;
f) tutela l’osservanza delle norme statutarie e l’osservanza delle deliberazioni dell’assemblea e del Consiglio direttivo;
g) accetta per conto della Associazione sovvenzioni, elargizioni, liberalità, contributi, da parte dei soci e di terzi.

11.2. Fino alla prossima elezione, la presidenza dell’associazione  “il Carattere” è assegnata a Matteo Marini.

11.3. I soci fondatori, firmatari  del presente statuto, accettano di essere solidalmente responsabili per eventuali illeciti civili commessi nello svolgimento dell’attività giornalistica ed informativa dell’associazione e/o della testata giornalistica “il Carattere.it”.

12. FONDO COMUNE
12.1. Il fondo comune è costituito dalle contribuzioni che i soci fondatori fanno alla costituzione dell’associazione, dalle quote associative versate dai soci e da sovvenzioni, elargizioni, liberalità, contributi, da parte dei soci e di terzi.

12.2. Il fondo comune è utilizzato per la gestione ordinaria delle attività dell’associazione e del relativo sito internet, nonché, previa votazione a maggioranza del Consiglio direttivo, per il pagamento delle spese straordinarie (ad esempio e a titolo non esaustivo: acquisto di strumentazioni, spostamenti, consulenze tecniche, affitto di immobili).

13. SCIOGLIMENTO
13.1. Lo scioglimento dell’associazione è deliberato dall’assemblea a maggioranza qualificata dei 4/5 dei suoi membri ovvero dal Consiglio direttivo a maggioranza assoluta.

13.2. Nel caso in cui nel fondo comune residui una somma inferiore a 1.000 €, l’intera somma verrà devoluta in beneficenza ad associazioni o fondazioni individuate nel corso dell’Assemblea stessa.

13.3. Nel caso in cui nel fondo comune residui una somma superiore a 1.000 €, si procederà alla ripartizione in parti uguali di tale somma tra gli associati.

14. FORO COMPETENTE

14.1. Ogni controversia che dovesse sorgere tra i soci o fra uno di questi e l’associazione relativa all’interpretazione ed all’esecuzione del presente statuto ed ai servizi del sito dell’associazione e della testata giornalistica “il Carattere.it” saranno di competenza del Foro di Roma.

15. RINVIO
15.1. Per tutto quanto non espressamente stabilito nel presente statuto, si rinvia a quanto stabilito dalla normativa vigente.dell’associazione è in Roma, via Tommaso Bernetti 30.

2. DURATA
2.1. La durata dell’associazione è illimitata.

3. OGGETTO E SCOPO
3.1. L’associazione ha lo scopo di promuovere e diffondere la cultura e l’attività giornalistica.
3.2. A titolo esemplificativo e non tassativo, l’associazione si ripropone tra l’altro di:
a)svolgere attività giornalistica ed editoriale;
b)pubblicare ricerche, studi, inchieste, attraverso qualsiasi mezzo di comunicazione;
c)promuovere e diffondere inchieste giornalistiche di libera iniziativa, al fine di alimentare una coscienza sociale su problematiche di cui il giornalismo c.d. mainstream tende a non occuparsi o ad occuparsi in maniera poco approfondita;
d)sviluppare, commercializzare e diffondere inchieste multimediali, in grado di coniugare le potenzialità offerte dai diversi mezzi di comunicazione;
e)diffondere, sviluppare e commercializzare i segni distintivi ed il sito internet, ivi compreso il relativo nome di dominio, dell’associazione, sia in Italia che all’estero.
3.3. I servizi giornalistici sono sottoposti, per la diffusione, commercializzazione e/o pubblicazione alle aziende editoriali sotto la firma del socio e/o dei soci che li hanno realizzati e non sotto il nome dell’associazione.
3.4. L’associazione gestisce un sito internet, che ospita la testata giornalistica “il Carattere.it” e che si compone di due sezioni:
a)vetrina per i servizi realizzati dai soci, sotto forma di promo, abstract, gallerie di immagini a disposizione di chiunque voglia acquistarli;
b)uno spazio informativo aperto a tutti, con servizi giornalistici pubblicati per il Carattere.it
3.5. I soci sono responsabili, in via esclusiva, per i contenuti pubblicati all’interno del sito. È fatta salva, in ogni caso, la possibilità per il direttore responsabile della testata giornalistica “il Carattere.it” di rimuovere i contenuti informativi che, a sua discrezione, risultino offensivi, illeciti o comunque non in linea con gli scopi perseguiti dall’associazione e con la linea editoriale de “il Carattere.it”.

4. SOCI
4.1. Sono soci fondatori dell’associazione i Sigg.ri Ilaria Romano, Katia Ancona, Lanfranco Sbardella, Federico Formica e Matteo Marini, firmatari del presente Statuto.
4.2. Sull’ammissione di nuovi soci decide il Consiglio direttivo con delibera assunta a maggioranza dei presenti. La presentazione della domanda importa di per sé l’accettazione dello statuto.

5. DOVERI DEI SOCI
5.1. I soci sono tenuti all’osservanza dello Statuto, delle delibere assembleari e delle decisioni del Consiglio direttivo, nonché al rispetto del decoro e del buon nome dell’associazione.
5.2. I soci si impegnano a non pubblicare e a non diffondere informazioni, immagini e altro materiale coperti da diritto d’autore o da altri diritti da parte di terzi.
5.3. I soci fondatori si impegnano a versare, al momento della sottoscrizione del presente Statuto, una quota pari ad € 100,00. Essi si impegnano altresì a dividere, in parti uguali, le spese per la registrazione della testata giornalistica presso il Tribunale di Roma ed ogni altra spesa necessaria all’avvio dell’associazione, ivi comprese le spese per consulenza legale e le spese amministrative.
5.4. La quota associativa è, sia per i fondatori, sia per i nuovi associati, è pari ad € 20,00.
5.5. Tutti i soci sono tenuti al pagamento della quota associativa entro e non oltre il 31 gennaio di ogni anno.
5.6. Al fine di contribuire allo sviluppo dell’associazione, tutti i soci si impegnano a versare all’associazione il 10% (dieci per cento) dei proventi, al netto di IVA e altre eventuali ritenute, ottenuti con la vendita degli articoli o degli altri servizi svolti, anche in forma promozionale, nell’ambito dell’attività dell’associazione.

6. DIRITTI DEI SOCI
6.1. I soci hanno diritto:
a)di partecipare alla vita associativa ed alle attività svolte dall’associazione;
b)di intervenire all’assemblea con diritto di voto. Tale diritto è però riservato ai soci che siano in regola col pagamento della quota associativa e che non siano inadempienti riguardo agli obblighi stabiliti dal presente statuto o dalle delibere dell’assemblea.

7. DECADENZA E RECESSO
7.1. I soci restano iscritti all’associazione senza limiti di tempo, intendendosi la loro partecipazione tacitamente rinnovata di anno in anno, e cessano di farne parte unicamente in caso di espulsione, decadenza o recesso.
7.2. Il Presidente comunica la decadenza avvenuta di diritto del socio che non abbia provveduto nei termini previsti al versamento della quota annuale o che non adempia agli impegni assunti nei confronti dell’associazione.
7.3. I soci hanno il diritto di recedere dall’Associazione in qualsiasi momento, previa comunicazione indirizzata al Presidente dell’associazione, a mezzo lettera raccomandata a/r ovvero con altro mezzo idoneo a dimostrarne l’avvenuta ricezione. Il recesso ha effetto dal momento della ricezione della comunicazione da parte del Presidente.
7.4. In caso di recesso, il socio non ha diritto alla restituzione di sovvenzioni, elargizioni, liberalità, contributi, né delle quote versate a favore dell’associazione ed è comunque tenuto al versamento, a favore dell’associazione, della quota di sua competenza relativa alle spese già deliberate.

8. ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE
8.1. Sono organi dell’Associazione l’Assemblea, il Consiglio direttivo e il Presidente.

9. ASSEMBLEA
9.1. L’assemblea è costituita da tutti i soci dell’associazione, ivi compresi i soci fondatori.
9.2. L’assemblea:
a)elegge, conferma e revoca il direttore della testata giornalistica “Il Carattere”;
b)delibera su qualsiasi altra questione che le venga sottoposta dal Consiglio direttivo o ad essa demandata dal presente Statuto;
c)delibera sulle proposte di inserzione pubblicitaria da pubblicare sul sito dell’associazione o su qualsiasi altro strumento di comunicazione comunque riconducibile all’attività associativa;
d)in via straordinaria e con il voto favorevole della maggioranza dei soci fondatori e di 1/3 degli altri soci apporta modifiche allo statuto.
9.3. L’assemblea è convocata, in via ordinaria, almeno due volte all’anno dal Presidente.
9.4. L’assemblea è convocata, in via straordinaria, nei casi previsti al punto d) del precedente comma, nonché tutte le volte che il Presidente o il Consiglio direttivo lo ritengano opportuno, e nei casi in cui ne sia fatta richiesta scritta e motivata al Presidente da almeno 2/5 dei soci aventi diritto.
9.5. L’avviso di convocazione deve indicare il luogo, il giorno, l’ora dell’adunanza e l’ordine del giorno, sia in prima che in seconda convocazione. L’avviso deve essere inviato, almeno otto giorni prima della data dell’assemblea, a mezzo lettera raccomandata a/r ovvero con altro mezzo idoneo a dimostrarne l’avvenuta ricezione (ad esempio, fax o e-mail). L’assemblea può riunirsi, secondo le modalità fissate nell’avviso di convocazione,  anche in forma telematica (ad esempio e a titolo non esaustivo, mediante videoconferenza). L’assemblea riunita in forma telematica non può deliberare sullo scioglimento dell’associazione, su modifiche allo statuto, su elezione, conferma e revoca del direttore della testata giornalistica “Il Carattere”. In caso di riunione telematica, il voto può essere espresso anche a mezzo e-mail, purché inviato nei termini fissati nell’avviso di convocazione.
9.6. L’assemblea è regolarmente costituita in prima convocazione con la presenza, anche per delega, di almeno la metà più uno dei soci. In seconda convocazione l’assemblea è regolarmente costituita, a distanza di almeno un’ora dalla prima, qualunque sia il numero dei soci presenti anche per delega, purché siano presenti di persona o per delega almeno la maggioranza assoluta dei soci fondatori.
9.7. Ove non sia diversamente disposto dal presente statuto, l’Assemblea delibera a maggioranza di voti.
9.8. L’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione o, in caso di sua assenza od impedimento, dal socio fondatore anagraficamente più anziano presente in assemblea ovvero, in caso di assenza di tutti i soci fondatori, dal socio anagraficamente più anziano.
9.9. Nelle votazioni in Assemblea ogni socio, indipendentemente dalla categoria di soci cui appartiene, ha diritto ad un voto. Hanno diritto di voto soltanto i soci in regola col pagamento delle quote sociali.
9.10. Ogni socio mediante delega scritta può farsi rappresentare nell’Assemblea da altro socio. In ogni caso è consentita, per ogni socio, più di una delega.
9.11. In apertura di riunione, i soci intervenuti provvederanno a designare un segretario verbalizzante. Tale verbale, firmato dal Presidente e dal segretario dell’Assemblea, farà fede a tutti gli effetti di legge di quanto in esso si attesta.

10. CONSIGLIO DIRETTIVO
10.1. L’associazione è amministrata da un Consiglio direttivo composto dai soci fondatori.
10.2. Il Consiglio Direttivo:
a)elegge al suo interno il Presidente dell’Associazione;
b)studia, sviluppa e pianifica le attività necessarie per il raggiungimento degli scopi dell’Associazione, nonché le iniziative per ottenere i mezzi finanziari occorrenti al raggiungimento degli scopi stessi;
c)decide sulle domande di ammissione;
d)delibera sull’eventuale esclusione dei soci;
e)sottopone all’Assemblea la possibilità di eleggere o revocare il direttore della testata giornalistica “Il Carattere”;
f)esercita ogni altra funzione che non sia per legge o per statuto riservata all’Assemblea.
10.3. Il Consiglio Direttivo può comminare sanzioni disciplinari nei confronti dei soci, nelle forme dell’avvertimento e dell’espulsione. L’espulsione è prevista di diritto nel caso in cui un socio:
a) sia in ritardo di oltre sei mesi col pagamento della quota associativa;
b) tenga comportamenti che, a giudizio del Consiglio Direttivo, arrechino un grave danno all’immagine Associazione;
c) abbia ricevuto due avvertimenti.
I soci espulsi non hanno diritto alla restituzione di quote, sovvenzioni, elargizioni, liberalità, contributi versati a favore dell’Associazione.
10.4. Il Consiglio Direttivo è presieduto e convocato dal Presidente o, in sua assenza o impedimento, dal socio fondatore anagraficamente più anziano, con un preavviso di almeno 48 ore, salvo casi di eccezionale urgenza. Il Consiglio direttivo è validamente costituito quando siano presenti almeno la maggioranza dei suoi membri.
10.5. Le deliberazioni vengono adottate a maggioranza assoluta dei voti. In caso di parità, il voto del Presidente o, in sua assenza, del socio fondatore anagraficamente più anziano prevalgono.

11. PRESIDENTE
11.1. Il Presidente:
a)è nominato dal Consiglio Direttivo fra i suoi membri, dura in carica due anni ed è rieleggibile;
b)è revocabile in qualsiasi momento dal Consiglio direttivo a maggioranza dei suoi membri;
c)ha la rappresentanza legale della associazione, di fronte ai terzi ed in giudizio;
d)convoca le Assemblee e le riunioni del Comitato direttivo e le presiede;
e)ha i poteri di ordinaria amministrazione e può nominare in tale ambito speciali procuratori;
f)tutela l’osservanza delle norme statutarie e l’osservanza delle deliberazioni dell’assemblea e del Consiglio direttivo;
g)accetta per conto della Associazione sovvenzioni, elargizioni, liberalità, contributi, da parte dei soci e di terzi.
11.2. Fino alla prossima elezione, la presidenza dell’associazione  “il Carattere” è assegnata a Matteo Marini.
11.3. I soci fondatori, firmatari  del presente statuto, accettano di essere solidalmente responsabili per eventuali illeciti civili commessi nello svolgimento dell’attività giornalistica ed informativa dell’associazione e/o della testata giornalistica “il Carattere.it”.

12. FONDO COMUNE
12.1. Il fondo comune è costituito dalle contribuzioni che i soci fondatori fanno alla costituzione dell’associazione, dalle quote associative versate dai soci e da sovvenzioni, elargizioni, liberalità, contributi, da parte dei soci e di terzi.
12.2. Il fondo comune è utilizzato per la gestione ordinaria delle attività dell’associazione e del relativo sito internet, nonché, previa votazione a maggioranza del Consiglio direttivo, per il pagamento delle spese straordinarie (ad esempio e a titolo non esaustivo: acquisto di strumentazioni, spostamenti, consulenze tecniche, affitto di immobili).

13. SCIOGLIMENTO
13.1. Lo scioglimento dell’associazione è deliberato dall’assemblea a maggioranza qualificata dei 4/5 dei suoi membri ovvero dal Consiglio direttivo a maggioranza assoluta.
13.2. Nel caso in cui nel fondo comune residui una somma inferiore a 1.000 €, l’intera somma verrà devoluta in beneficenza ad associazioni o fondazioni individuate nel corso dell’Assemblea stessa.
13.3. Nel caso in cui nel fondo comune residui una somma superiore a 1.000 €, si procederà alla ripartizione in parti uguali di tale somma tra gli associati.

14. FORO COMPETENTE
14.1. Ogni controversia che dovesse sorgere tra i soci o fra uno di questi e l’associazione relativa all’interpretazione ed all’esecuzione del presente statuto ed ai servizi del sito dell’associazione e della testata giornalistica “il Carattere.it” saranno di competenza del Foro di Roma.

15. RINVIO
15.1. Per tutto quanto non espressamente stabilito nel presente statuto, si rinvia a quanto stabilito dalla normativa vigente.

Annunci