San Gregorio “trasloca”: casette agli abitanti, ma il paese risorgerà altrove

Alla fine hanno vinto la loro battaglia. Gli abitanti di San Gregorio, piccola frazione de L’Aquila, avranno anche loro un villaggio di casette antisismiche come quello di Onna. Da mesi il comitato formato dagli abitanti del piccolo borgo si batte per ottenere una sistemazione che non disgreghi il nucleo originario della zona vecchia del paese. Le 86 casette di legno sorgeranno sulla collina a fianco dell’abitato devastato dal sisma del 6 aprile, la stessa collina che accoglierà la nuova San Gregorio, perché il paese non sarà più ricostruito dove sorgeva un tempo.
“La buona notizia è stata accolta con lacrime di gioia dagli abitanti – racconta Chiara Petrocco, rappresentante di circoscrizione – tanto che non hanno nemmeno mosso un ciglio quando gli abbiamo detto che non saranno pronte fino a dicembre”. Già perché i ritardi nell’approvazione di questa misura faranno sì che le casette (per le quali sono quasi pronti i progetti) non saranno ultimate prima dell’inizio del freddo. E nel frattempo? “Nel frattempo stiamo studiando con la protezione civile un piano per sistemare tutte le 250 persone che necessitano di un alloggio – spiega ancora la Petrocco – però una soluzione certamente la troveremo, in hotel o in case in affitto. Gli abitanti delle case popolari saranno invece collocati all’interno del piano Case, in quanto affittuari”.
Le opere di urbanizzazione per i moduli provvisori saranno però progettate in modo tale da poter essere utilizzate anche per un abitato definitivo. Assieme alla buona notizia per gli abitanti di San Gregorio c’è infatti anche una doccia fredda (non ancora confermata dagli studi geologici ma piuttosto sicura): il borgo non sarà più dove è ora. La scossa qui si è sentita più forte che altrove, l’indice di abbattimento supera il 95 per cento perché una serie di concause ha fatto in modo che la forza del sisma fosse superiore al resto del territorio: ricostruire qui sarebbe una follia.

Le macerie di San GregorioAlla fine hanno vinto la loro battaglia. Gli abitanti di San Gregorio, piccola frazione de L’Aquila, avranno anche loro un villaggio di casette di legno come quello di Onna. Da mesi il comitato formato dagli abitanti del piccolo borgo, Sangregoriorinasce, si batte per ottenere una sistemazione che non disgreghi il nucleo originario della zona vecchia del paese. Le 86 casette di legno sorgeranno sulla collina a fianco dell’abitato devastato dal sisma del 6 aprile, la stessa collina che accoglierà la nuova San Gregorio, perché il paese non sarà più ricostruito dove sorgeva un tempo.

IL NOSTRO VIDEO: San Gregorio è sola

“La buona notizia è stata accolta con lacrime di gioia dagli abitanti – racconta Chiara Petrocco, rappresentante di circoscrizione – tanto che non hanno nemmeno mosso un ciglio quando gli abbiamo detto che non saranno pronte fino a dicembre”. Già perché i ritardi nell’approvazione di questa misura faranno sì che le casette (per le quali sono quasi pronti i progetti) non saranno ultimate prima dell’inizio del freddo. E nel frattempo? “Nel frattempo stiamo studiando con la protezione civile un piano per sistemare tutte le 250 persone che necessitano di un alloggio – spiega ancora la Petrocco – però una soluzione certamente la troveremo, in hotel o in case in affitto. Gli abitanti delle case popolari saranno invece collocati all’interno del piano Case, in quanto affittuari”.

Casette di legno in costruzione a OnnaLe opere di urbanizzazione per i moduli provvisori saranno però progettate in modo tale da poter essere utilizzate anche per un abitato definitivo. Assieme alla buona notizia per gli abitanti di San Gregorio c’è infatti anche una doccia fredda (non ancora confermata dagli studi geologici ma piuttosto sicura): il borgo non sarà più dove è ora. La scossa qui si è sentita più forte che altrove, l’indice di abbattimento supera il 95 per cento perché una serie di concause ha fatto in modo che la forza del sisma fosse superiore al resto del territorio: ricostruire qui sarebbe una follia.

Annunci

1 Commento

Archiviato in articolo, matteo marini, notizie

Una risposta a “San Gregorio “trasloca”: casette agli abitanti, ma il paese risorgerà altrove

  1. Pingback: San Gregorio è sola « Il Carattere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...