Archivi del mese: settembre 2009

Decoder unico. Ma allora esiste!

Il decoder XDome

Il decoder XDome

Sky, TivuSat e digitale terrestre possono coesistere. In un solo apparecchio. Il decoder unico esiste e si chiama Xdome Hd 1000 Nc. È in vendita da aprile 2009 e sta raggiungendo i negozi di tecnologia di tutta Italia. Non è economico (il prezzo di listino è 199 euro) ma in questo momento è il decoder più versatile sul mercato. La prova che TivuSat e Sky non sono affatto incompatibili come era stato detto fino ad oggi. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in articolo, federico formica, notizie

Forte scossa di terremoto a Macerata

Ancora un terremoto, ancora nel centro Italia. Alle 5.50 di domenica 20 settembre un terremoto di magnitudo 4,6 ha svegliato la popolazione. Secondo i dati Ingv l’epicentro del sisma è Macerata e la profondità della scossa è stata di 37 chilometri. A quanto ci risulta, il movimento della terra è stato di tipo sussultorio. Secondo i primi sopralluoghi non sono stati registrati danni a persone o cose. La scossa è stata sentita anche nell’Anconetano e nel Pesarese. Moltissime persone sono scese in strada.
Sulla mappa: l’epicentro del terremoto.

3 commenti

Archiviato in articolo, notizie, redazionale, Uncategorized

Andrini e le destre

Ricomincia il consiglio comunale a Roma. Ripartono anche i lavori in Senato e il gruppo del Partito Democratico presenterà in entrambe le sedi due documenti.

Il primo: in comune verrà chiesto al sindaco Alemanno di ritirare la nomina di Stefano Andrini, “ex neonazista coinvolto in una serie di assalti compiuti da un gruppo di naziskin nel 1989 e che causarono il ferimento di due giovani romani, uno dei quali finì in coma”. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in lanfranco sbardella

Lo spot dell’Università de L’Aquila: solamente per i più coraggiosi

università-de-l'aquila

Una pubblicità quantomeno discutibile quella che da qualche giorno campeggia sulla home page del sito dell’Università de L’Aquila…

Nella pagina di dettaglio poi si spiega: “Se hai grinta e sei determinato, investiremo su di te e finanzieremo i tuoi studi. Scegli tra le 9 Facoltà ed i 78 Corsi di Laurea, avrai l’esonero totale dalle tasse universitarie. Perché, per affrontare la vita, l’istruzione non basta: ci vuole carattere. E noi premiamo chi ce l’ha”.

1 Commento

Archiviato in articolo, katia ancona, Uncategorized

Morti fuori sede e poi dimenticati

ManifestazioneNicola, Enza, Arianna, Lorenzo, Genny, Giusy, Tonino. La lista continua fino a toccare quota cinquantacinque. Sono i cinquantacinque studenti universitari che hanno perso la vita durante il sisma del 6 aprile a L’Aquila. “Alle 3.32 c’è stato il terremoto, alle 3.33 noi siamo stati dimenticati”. Non ricorre a giri di parole Sergio Bianchi papà di Nicola. Lui insieme ai genitori, amici e parenti degli altri ragazzi morti sotto le macerie delle loro abitazioni di studenti fuori sede, si sono dati appuntamento davanti a Montecitorio per far sentire la loro voce o meglio, il loro silenzio.

Una protesta silenziosa, composta, dignitosa. Una dignità che li ha sempre contraddistinti in questi mesi anche se ora Sergio si trova ad ammettere che “sì forse siamo stati troppo gentili”. Indossano magliette nere con stampata la foto del loro figlio, del loro amico, del fratello o della sorella, sorreggono degli striscioni sui quali si legge: “I nostri figli sepolti dall’indifferenza”, “Fuggivano, ma li invitavate a tornare nelle case” o ancora: “Non avranno un futuro, avranno giustizia?”. GUARDA IL VIDEO

Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in articolo, fotogallery, katia ancona

Massimo Cialente accusa il Partito democratico: “Ci avete abbandonato”

Il sindaco de L’Aquila si sfoga in un’intervista al settimanale Left, in edicola oggi, e accusa il Partito democratico di aver abbandonato la sua giunta, soprattutto con l’astensione al Senato sul decreto Abruzzo. “Hanno costretto me e la Pezzopane (la presidente della Provincia ndr) a diventare cattivi e il governo ci ha fatto un …. così”.

Poi parla della politica italiana: “Ero contro il Pd e purtroppo la storia mi ha dato ragione. Sono uscito da Sinistra democratica perché hanno fatto la stessa cazzata del Pd: la politica con i gazebo perché passa tutto attraverso i rapporti con la stampa. Sono rientrato ora con Bersani perché, soprattutto in una situazione come questa, c’è bisogno dei partiti sul territorio”.

Infine sull’ipotesi di un nuovo esecutivo per il Comune: “Niente giunta tecnica, ci vuole gente capace. Ho fatto la mia proposta di una nuova giunta con all’interno anche l’opposizione perché bisogna coinvolgere tutta la città. E’ una sorta di gabinetto di guerra, noi siamo come l’Inghilterra nella seconda Guerra mondiale”.

Lascia un commento

Archiviato in audio, audio, matteo marini, notizie

Istanbul, un Ramazan sotto l’acqua

I quartieri poveri di Istanbul

Fino al 19 settembre Istanbul continuerà il suo Ramazan, il mese di digiuno che ogni anno si rispetta per ricordare la rivelazione del Corano e che rappresenta uno dei cinque pilastri dell’Islam. Ma non sarà più come prima.

Due giorni fa un violento nubifragio ha interrotto la festa che dal 28 agosto, ogni sera durante l’Iftar, la cena, anima tutta la città. L’ippodromo di Sulthaname’t, centro nel centro, in particolare. La gente si dava appuntamento lì: intere famiglie che al tramonto stendono tappeti e teli sul prato, accendono le bombole a gas, mettono teiera e caffettiera impilate una sull’altra sul fuoco. Preparano piatti, scartano pide e teglie di carne, verdure, riso pilaf. E si apprestano a condividere il pasto con gli altri, mentre la festa comincia e la piazza si anima di persone e profumi, al quarto canto del Muezin della giornata.

Secondo i meteorologi domani potrebbe essere un’altra giornata difficile, con forti precipitazioni. Alcuni quartieri, quelli dove la densità abitativa è più alta, ancora non sono usciti dall’emergenza perché sprovvisti di un adeguato sistema fognario. Nella sola città ci sono stati 26 morti; 32 con quelli della provincia di Tekirdag.
E’ la peggiore alluvione degli ultimi 80 anni.

Lascia un commento

Archiviato in ilaria romano, lanfranco sbardella, notizie