Perù, quei manifestanti con la Lacoste

“I media europei hanno dato un’informazione distorta e in mala fede degli scontri tra indios dell’Amazzonia ed esercito ai primi di giugno.” Il rappresentante dell’ambasciata peruviana in Italia, Felix De Negri, torna a parlare delle violenze accadute ai primi del giugno 2009 nell’area di Bagua. Rafael Rey è intervenuto nell’incontro di via Veneto, organizzato da PrestoMedia, tra giornalisti e ambasciatori in Italia di Perù e Brasile.

La posizione ufficiale del governo peruviano resta molto distante da quella assunta dai media e dalle organizzazioni internazionali. Anche sulla conta dei morti l’ambasciata ha un’opinione diversa: “Durante gli scontri hanno perso la vita 23 rappresentanti delle forze dell’ordine e 10 nativi. I diritti umani valgono solo per i civili? Quei poliziotti e quei militari avevano una famiglia come tutti gli altri”. Altre cifre parlano di 52 morti: 22 delle forze dell’ordine e 30 manifestanti.

“Alcuni manifestanti sono scesi in piazza indossando una polo Lacoste” – ha scherzato Felix De Negri – “è il segno che anche molti indios si stanno ormai globalizzando”.

Il rappresentante si è poi soffermato sui decreti governativi che hanno scatenato le proteste e le manifestazioni degli indios: “Quei provvedimenti volevano introdurre una serie di regole precise, anche nell’interesse dei nativi. Non dimentichiamo che il narcotraffico e l’estrazione mineraria illegale hanno prodotto danni immensi all’ambiente e all’economia dell’Amazzonia”. “Un errore che ammettiamo – ha continuato De Negri – è di non aver dialogato abbastanza con la popolazione al momento di approvare i decreti. Ma ora che i decreti sono abrogati, si è aperta una fase di dialogo”.

Un dialogo che, però, non può durare in eterno: “Gli indios hanno diritti intoccabili e particolarità da rispettare, ma rappresentano l’1% della popolazione peruviana. Ogni dittatura è un male, anche quella della minoranza”.

Annunci

1 Commento

Archiviato in articolo, federico formica, notizie

Una risposta a “Perù, quei manifestanti con la Lacoste

  1. gianni

    una camiseta lacoste costa in Peru meno di qualsiasi altra maglietta comprata al mercato, ossia meno di 4 Euro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...